Saipem: è guerra aperta tra Cao, Scaroni e Descalzi

Affari algerini - Gli ex vertici e l’attuale ad Eni in “rotta di collisione” sugli incontri riservati e i rapporti con il mediatore della tangente
Saipem: è guerra aperta tra Cao, Scaroni e Descalzi

La Procura di Milano li chiama “incontri informali”. Intende incontri lontani da sedi istituzionali. La definizione, secondo l’accusa, rappresenta uno dei tasselli per comporre il complicato risiko di una maxi-tangente da 197 milioni di euro che Saipem, società controllata da Eni, tra il 2007 e 2009 avrebbe pagato (è la posizione della Procura) all’allora ministro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.