Russia, mazzette e milioni alla stampa: Eni, lo Stato parallelo

I rapporti opachi con Mosca ai tempi di Berlusconi e i fondi a pioggia per la pubblicità, per farsi amici giornali e tv
Russia, mazzette e milioni alla stampa: Eni, lo Stato parallelo

Fondi neri, tangenti, una politica estera autonoma e dominante su quella della Farnesina, centinaia di milioni per garantirsi una stampa amica: sono queste le declinazioni dello “Stato parallelo”, come i giornalisti Andrea Greco e Giuseppe Oddo chiamano l’Eni in un loro libro che esce oggi per Chiarelettere, dopo oltre cinque anni di inchiesta. Il gruppo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.