Rousseff e Lula, colpo di Stato a mezzo stampa

Oggi o domani Brasilia cambia presidente. Il Senato confermerà l’impeachement del congresso e Dilma Rousseff lascia il Planalto mentre il suo vice Temer (regista della rivolta) prepara il nuovo governo: lotta alla corruzione, rilancio del liberismo. Tornano le ricette di 20 anni fa. La signora è accusata di aver mimetizzato, nei bilanci, debiti e strategie […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.