Rota, il manager scomodo a cui Sala ha sbarrato il metrò

Cacciato due volte dalla Serravalle perché si oppose ai favori a Gavio, ora dopo aver risanato l’Azienda dei trasporti, lascia in lite col sindaco che porta l’Atm in bocca alle Fs
Rota, il manager scomodo a cui Sala ha sbarrato il metrò

Immaginatevi la faccia dei dirigenti dell’Atm, l’azienda milanese dei tram e del metrò, quando aprono il pacchetto del regalo di Natale mandato dal loro nuovo capo, il presidente Bruno Rota: un libro, Un uomo onesto, scritto da Monica Zapelli, la sceneggiatrice del film Centopassi. Sottotitolo: “Storia dell’imprenditore che morì per aver detto no alle tangenti”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.