Rosselli il liberal-marxista e l’errore di Bobbio e Scalfari

Ottant’anni fa, il 9 giugno 1937 in Francia, i fascisti assassinarono i due fratelli di Giustizia e Libertà: il libro di Gaetano Pecora scandaglia la parabola dell’autore di “Socialismo liberale”, fino alla svolta comunista
Rosselli il liberal-marxista e l’errore di Bobbio e Scalfari

Ottant’anni sono un tempo più che congruo per un bilancio completo, e non parziale da storico militante o peggio ancora da giornalista o politico, dell’opera di Carlo Rosselli, che a soli trent’anni nel 1929 scrisse il decisivo Socialismo liberale e fondò Giustizia e Libertà, pilastro di quella Concentrazione antifascista che poi fu sciolta nel 1934 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.