Rondi, il critico equilibrista tra divi, palazzi e Andreotti

Morto a Roma il decano italiano. Aveva 94 anni
Rondi, il critico equilibrista tra divi, palazzi e Andreotti

Undici luglio 1968, diario: “Partito per il Festival di San Sebastian, come spinto da un desiderio morboso di raggiungere quest’anno tutti i posti caldi del cinema, ma in realtà convocato perché mi hanno chiamato in giuria”. Non accadrà più perché Gian Luigi Rondi, scomparso ieri a Roma a 94 anni, dopo aver partecipato alle giurie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.