Roman Signer, l’irregolare che stregò Cattelan

Al MAN di Nuoro la prima personale dello svizzero in un museo italiano, con oltre duecento film e tre nuove installazioni realizzate dall’artista per questa occasione
Roman Signer, l’irregolare che stregò Cattelan

Un’opera che ne contiene altre 200, incentrata sul rumore, ma senza alcun rumore (immensa installazione video con 100 piccoli videoproiettori). La determinazione di un artista (per sua volontà “isolato”) di realizzare “sculture” quando ciò che resta è, per la maggior parte, azioni filmate brevi, dove gli oggetti scompaiono per autocombustione. Il Museo MAN di Nuoro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.