Roma: “Yussef segnalato”. Londra: “No, non è vero”

Il primo jihadista italiano non era, però, nella lista dei “foreign fighters”
Roma: “Yussef segnalato”. Londra: “No, non è vero”

Era stato segnalato dalle autorità italiane, il suo nome finito in una relazione dell’intelligence inviata nei mesi scorsi ai colleghi inglesi. Eppure Yussef Zaghba, il terzo attentatore di Londra (ucciso con gli altri due), non è mai stato inserito nella lista di foreign terrorist fighters italiani che conta oltre 120 aspiranti combattenti. Un errore? Una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.