Roma sfratta gli eritrei (quelli che si sentono italiani)

  Caro Furio Colombo, mentre tutte le fonti di informazione erano intente a immaginare nuove misure di sicurezza per difenderci da pericolosi stranieri, mille eritrei, che vivono in Italia da anni, e a cui è stato riconosciuto il diritto d’asilo, sono stati forzati all’alba ad abbandonare un edificio pubblico abbandonato, che avevano occupato molti anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.