“Roma, er sale che manca non è quello per le buche”

“Roma, er sale che manca non è quello per le buche”

“Scrivere da soli può essere inquietante, ti mette di fronte a possibili sconfitte, a cose che non vengono come le avresti volute. La sensazione che provi quando scrivi in dialetto, invece, è di non essere solo. Nella forza espressiva e nella sincerità di quella lingua che ti appartiene, rivedi le generazioni venute prima, il cortile, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.