Robinù e la mobilità sociale: quando l’unica soluzione è andarsene via

Il documentario prodotto da Michele Santoro mette ancora in luce lo stato di abbandono del Meridione

Quella cosa che fa vedere Michele Santoro – Robinù, il suo documentario festeggiato da tutti sull’adolescenza della paranza criminale – è una cosa che esiste. I giovani lì raccontati, ragazzi di più che malavita – quelli che all’età di tredici anni sanno già mettere mano al ferro e sparare – rinnovano un catalogo sociale radicato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.