Risparmi, i dati (e i flop) che Gutgeld nasconde

Spending review - Il commissario replica alle accuse del predecessore Perotti, tra errori e distorsioni
Risparmi, i dati (e i flop) che Gutgeld nasconde

Il commissario alla spending review è mestiere assai ingrato. L’equivoco dura dal 2007: 8 anni, 5 super esperti, zero risultati, se non i tagli lineari inaugurati da Tremonti. Con Matteo Renzi la musica non è cambiata, ma si è arricchita di un nuovo spartito: la lite sui numeri tra vecchio e nuovo commissario, nel caso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.