Riprendiamoci la famiglia, aboliamo la festa della mamma

Chi è madre lo sa: ogni maggio arriva dalla scuola il solito lavoretto, con contorno di fiori e cuoricini e su scritto “sei la mamma migliore del mondo”, “mamma ti voglio bene” e via dicendo. Non c’è dubbio, è un regalo che fa piacere, ma una certa sensazione di stereotipo la avvertiamo in molte, e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.