Rimini: se sono zingari (italiani) niente case per loro

Caro Furio Colombo, un progetto del Comune di Rimini prevedeva di chiudere un campo che da decenni accoglie, in condizioni precarie, 45 persone (di cui 13 bambini) di etnia Sinti e di cittadinanza italiana, per sistemarli in casette monofamiliari in punti diversi della città. Insomma, la vita normale. Si è scatenata immediatamente una campagna di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.