» Cronaca
giovedì 31/08/2017

Stupri Rimini, parla la trans violentata dopo la ragazza polacca: “Io vittima due volte. Non mi aiutano”

Vita da invisibile - Molly, origini peruviane, ha identificato gli stupratori. “Il Comune? Non ho avuto chiamate”
Stupri Rimini, parla la trans violentata dopo la ragazza polacca: “Io vittima due volte. Non mi aiutano”

Le hanno mostrato le foto con i volti ben nitidi e a fuoco dei suoi quattro aggressori. Lei li ha riconosciuti tutti. Subito. Uno a uno. “Sono loro”. Nell’orribile notte di stupro a Rimini c’è questa donna nata uomo che pur di riconoscersi s’è costretta alla strada per vivere. Si fa chiamare Molly, ha quasi quaranta anni ed è di nazionalità peruviana. È quella indicata come “trans” nelle cronache delle violenze di venerdì notte. E sembra quasi il neo, la macchia da cancellare dal quadro di affetto e solidarietà che si è creato attorno alle vittime del branco. Se non fosse che vittima lo è pure lei. Ha ancora ginocchia sbucciate e qualche livido sul corpo. Fuori. A parlarci, si ha la certezza che siano nulla rispetto a ciò che porta dentro.

È stata violentata venerdì notte lungo la statale dai quattro che poco prima al bagno 130 avevano picchiato, derubato e stuprato la coppia di giovani polacchi. Lei ha fatto tutto ciò che doveva. In silenzio. Da invisibile, come è abituata a vivere per sopravvivere da circa venti anni. Ha sporto denuncia, si è fatta medicare in ospedale ed è tornata nell’ombra. Ora aiuta gli inquirenti nella caccia al branco. E per questo, spiega, deve rimanere a Rimini. “Fin quando non li catturano aspetto, altrimenti me ne sarei già andata” dice. Si informa dei polacchi: “Ho letto che stanno meglio, sono ancora in ospedale, vero?”. E lei? “Diamoci del tu per favore”. Va bene: tu? “Io cosa? Io non esisto e non dovrei neanche parlare con te”. I due ragazzi stanno meglio, sono stati raggiunti dai familiari e una delegazione giudiziaria polacca li sta interrogando, magari possono fornire altri elementi utili per le indagini sfuggiti alla traduzione degli interpreti. “Spero li prendano presto, sembravano bestie”.

Domenica i polacchi tornano a casa. “Vorrei farlo anche io, non vivo qui, vengo solo in alcuni periodi ma ora devo aiutare la polizia a catturarli anche se è molto difficile”. Catturarli? “No, restare qui. Non posso tornare a lavorare e non ho soldi per mantenermi a lungo, per vivere”. Ma albergatori e Comune non aiutano anche te come fanno con i ragazzi? Stanno ospitando giustamente anche i familiari e si occuperanno dei viaggi, di tutto. A te? “No, finora nessun aiuto per me. In ospedale sono stati gentilissimi, come gli uomini della polizia ma di aiuti neanche l’ombra; ho dovuto chiamare un amico e farmi portare dei soldi, andrò avanti così fin quando serve”. Hai provato a chiedere? “E a chi? Non mi stupisco, non preoccuparti. Potessi sarei già tornata a lavorare ma sto male fisicamente, devo aspettare”. Il lavoro, già. Sempre al solito posto, lungo la statale tra Rimini e Riccione, all’altezza dell’aeroporto. È per poter continuare a lavorare che hai avuto la freddezza di chiedere ai tuoi aggressori di usare il preservativo e gli hai dato spontaneamente quel che avevi quando ti hanno minacciata con la bottiglia: per evitare che ti picchiassero, ti lasciassero segni? “Non posso parlare di quello che è successo venerdì e non voglio, ho raccontato tutto agli agenti, ora li aiuto e poi me ne vado da qui”. Hai paura? “No, poteva capitare in qualunque posto, Rimini non c’entra nulla, ma è stato orribile, è stato orribile anche per me”.

Molly sparisce. In tutta questa vicenda lei è l’unico cittadino extracomunitario accertato, dei quattro aggressori non si conosce neanche la nazionalità. Molly ne ha riconosciuti due con la pelle scura e due con pelle più chiara, olivastra. Hanno violentato la 26enne polacca e poi lei, Molly. Vittime di un abuso sessuale nel nostro Paese. Eppure, a quanto dice, nessuno le ha offerto aiuto. È la macchia da cancellare. “Io non esisto”, dice. Se non quando è lungo la strada. Quando lavora. E lavora tanto da potersi mantenere. Esiste quando è notte. Come la Princesa cantata da De André: “Quando le macchine puntano i fari, sul palcoscenico della mia vita”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Emergenza carceri

Da Torino a Pisa. Due detenuti si impiccano in cella

Meno di 24 ore. Questo il tempo brevissimo per contare nelle carceri italiani due suicidi. Il primo è avvenuto a Torino. Vittima un detenuto di 37 anni di origini sinti. Si è impiccato in cella. Aveva un fine pena 2019. Un tunisino di 22 anni si è tolto la vita nello stesso modo. Era recluso nel carcere don Bosco di Pisa. “Due detenuti suicidi in carcere in meno di 24 ore portano drammaticamente d’attualità il tema della invivibilità delle carceri italiane”. È quanto dichiara Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato autonomo di polizia penitenziaria, ricordando che “sono quasi quaranta dall’inizio dell’anno. Non ci si ostini a vedere le carceri con l’occhio deformato dalle preconcette impostazioni ideologiche, che vogliono rappresentare una situazione di normalità che non c’è affatto”. ll Sappe riferisce che “entrambi i detenuti si sono tolti la vita nella propria cella, stringendosi un rudimentale cappio al collo”. Il sindacato chiede l’intervento del ministro della Giustizia Andrea Orlando, “per affrontare la questione penitenziaria che rimane una emergenza. Da quando sono stati introdotti nelle carceri vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto, sono decuplicati gli eventi critici in carcere”.

Mondo

Voli elettorali, anche Merkel inciampa

Cronaca

Nigeriana 17enne sotto sequestro per 15 giorni

La libraia che sfida la sindaca: la battaglia a Lodi è donna
Cronaca
L’intervista

La libraia che sfida la sindaca: la battaglia a Lodi è donna

di
Militari in Libano, no alla liberatoria
Cronaca
Esercito

Militari in Libano, no alla liberatoria

di
Verbali falsi, Colombo per otto ore dai pm
Cronaca
L’indagine

Verbali falsi, Colombo per otto ore dai pm

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×