“Riduzione in schiavitù e violenza sessuale”. Il baby branco si vantava sui social network

“Riduzione in schiavitù e violenza sessuale”. Il baby branco si vantava sui social network

Bulli ma forse di più. Veri baby criminali. Violenti e senza scrupoli. Non figli disagiati. Ragazzi di famiglie benestanti. Genitori commercianti, professionisti, impiegati, operai. Italianissimi. Cresciuti a Vigevano in questa fetta di Lombardia operosa e tranquilla ma solo in apparenza. Protetti da una sciagurata omertà. Dieci, forse undici i componenti del branco. Che nel conto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.