Ridono, dicono che fa bene. Ma che cosa c’è da ridere?

Caro Furio Colombo, sono rimasta stupita, anzi desolata, nel trovarmi di fronte a grandi e autorevoli elogi dell’allegria e della risata (Benigni, al Quirinale) proprio in giorni come questi. Ma che cosa c’è da ridere? E dove trovare uno spunto di allegria? Michela   Ammetto di aver avuto,sul momento, lo stesso scatto di stupore di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.