“Renzi non lo insulto più. Ma io in piazza non mi so trattenere”

Il sindaco di Napoli e il “ti devi cacare sotto” al premier: “Non garantisco per il prossimo comizio: sono un teatrante”
“Renzi non lo insulto più. Ma io in piazza non mi so trattenere”

Naturalmente non lo dirò più. Poteva dire a Renzi, se proprio desiderava, che è tale la disaffezione nei suoi confronti da apparire impaurito, ansioso, in affanno. Ho solo immaginato di affrontare le conseguenze fisiologiche della paura, ma era un comizio, non pensavo a calibrare. Non lo farò più. Giuri. Fino al prossimo comizio. Lo fissiamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.