Renzi, la prima crepa: “Decida il Parlamento”

Da Varsavia il premier lancia segnali sulla modifica della legge elettorale Resta ancora in piedi l’ipotesi di “spacchettare” il quesito di ottobre
Renzi, la prima crepa: “Decida il Parlamento”

Da oggi non ne parlo più, silenzio stampa”. Molto tattico e un po’ stizzito, stile bimbo che si porta via il pallone, Matteo Renzi giura che sull’Italicum non aprirà più bocca. Ma non può più permettersi i “no” secchi e irrevocabili. E allora prima di silenziarsi apre: “Per me è una legge buona, ma se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.