Renzi ha trovato il colpevole: è quel timidone del segno “più”

Certe volte uno gli vorrebbe dire: mannò, maddai, lascia stare, ti si vuole bene lo stesso. Essere Matteo Renzi, infatti, è un lavoro di una fatica disarmante. Tu sei sveglio, per una serie inaudita di insipienza altrui e colpi di culo tuoi ti si aprono le porte del potere alla soglia dei 40 anni. Bella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.