Renzi esulta nel deserto fra brogli e contestazioni

Tensioni - Scontri sui numeri: l’ex premier rivendica il 68 per cento, Orlando protesta e chiede verifiche sui voti al Sud. Il governatore punta sul M5S: “Cacciamo Matteo”
Renzi esulta nel deserto fra brogli e contestazioni

Chiusa la prima fase del congresso Pd, quella del voto nei circoli, il primo dato che appare chiaro è che Matteo Renzi è passato da essere l’uomo dei gazebo al segretario degli iscritti. Dibattito sostanzialmente inesistente, tempi record, numeri bassi e percentuali bulgare per l’ex segretario: le assise nei circoli si archiviano così. E si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.