Renzi e il senso dell’umorismo che uccide (il Pd)

Sempre lucido e simpatico come lui solo sa, Matteo Renzi continua a regalarci perle. Ormai, più che un uomo, pare un mesto compendio dell’infelicità. Non sa più cosa fare. Smette, anzi no. Si dimette, anzi no. Gioca a tennis e sta zitto due anni, anzi no. Va in tour per insegnare al mondo come perdere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.