Renzi contro Padoan e l’Ue. Che lo gela: niente sconti

La riunione inizia in grande ritardo nella notte. Trattativa estenuante: il premier chiedeva un deficit al 2,5% e per altri 8 miliardi. Bruxelles concede il 2,3%. Tensioni col ministro del Tesoro
Renzi contro Padoan e l’Ue. Che lo gela: niente sconti

Fino all’ultimo minuto. Tensioni comprese. La nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza approda in un Consiglio dei ministri che slitta a tarda serata dopo una trattativa infinita con gli uffici della Commissione europea. “Ancora non è arrivato nulla, perché non c’è l’accordo tra il premier e il suo ministro dell’Economia, Pier Carlo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.