Regeni, la Procura di Roma “punta” la polizia egiziana

Nel quinto incontro con i magistrati italiani, l’Egitto consegna una lista di agenti identificati. Ma mancano ancora i verbali richiesti da mesi
Regeni, la Procura di Roma “punta” la polizia egiziana

Il gioco di chi a Roma ha rappresentato la giustizia egiziana è sempre lo stesso: tendere la mano ai magistrati italiani, assecondando (parte) delle richieste, ma senza mai consegnare un risultato investigativo veramente decisivo. È questo che sta avvenendo da circa 10 mesi, dal 3 febbraio scorso quando il corpo di Giulio Regeni è stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.