Regeni, i nostri tornano a casa. “Ci mancano le informazioni”

Carabinieri e poliziotti inviati al Cairo rientrano a Roma, attendono la visita dei colleghi egiziani. “Elementi inidonei”. Nessun rapporto diretto con chi conduce le indagini
Regeni, i nostri tornano a casa. “Ci mancano le  informazioni”

La prima volta che dall’Egitto è stata pronunciata la frase “massima collaborazione” con le autorità italiane era il 4 febbraio scorso. Il giorno dopo l’annuncio del ritrovamento del corpo torturato del ricercatore friulano Giulio Regeni. Da quel momento come un mantra gli egiziani hanno ribadito massima disponibilità nella ricerca di una verità, ancora lontana. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.