Recuperiamo l’antico “No”, netto, chiaro e non negoziabile

Recuperiamo l’antico “No”, netto, chiaro e non negoziabile

Bambini chiamati invano una, due, tre volte per andare a cena. Incapaci di stare seduti su una sedia, concentrati a studiare per più di qualche minuto. Pronti a piangere e dimenarsi all’interno di un supermercato se l’oggetto desiderato gli viene negato. Sono scene, queste, che quasi ogni genitore italiano conosce molto bene. Forse senza sapere, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.