Decreto sicurezza e migranti, “recepiti” i paletti: la tregua armata tra Lega e Quirinale

I rilevi di costituzionalità, la mediazione del premier giurista e il sospiro di sollievo per lo scontro evitato
Decreto sicurezza e migranti, “recepiti” i paletti: la tregua armata tra Lega e Quirinale

Era da venerdì scorso che al Quirinale aleggiava un inquietante interrogativo negli uffici del presidente della Repubblica. Questo: “Ma Salvini vuole andare allo scontro e alla crisi istituzionale oppure è disponibile a un confronto per recepire i nostri rilievi?”. Oggetto, il decreto sicurezza sui migranti, naturalmente. Con il sottotesto che un eventuale muro contro muro tra il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.