Rafeeq, il terrorista della porta accanto e il botto del 4 luglio

Americano infatuato di Al Qaeda voleva la strage alla parata di Cleveland per la festa dell’Indipendenza
Rafeeq, il terrorista della porta accanto e il botto del 4 luglio

Siamo musulmani, dobbiamo addestrarci e farlo ogni giorno: dobbiamo imparare a sparare, a lanciare granate, a combattere a mani nude”. Questa frase non è stata trovata dal Site – la piattaforma web americana che si è specializzata nel rilanciare ogni sorta di comunicato e minaccia, anche improbabile, raccogliendola dai siti di propaganda jihadista – ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.