“Questo referendum non è una guerra: così perde il Paese”

Il presidente emerito della Consulta stigmatizza il clima “bellico” creato da Napolitano e Palazzo Chigi
“Questo referendum non è una guerra: così perde il Paese”

Il presidente emerito della Corte Costituzionale, Gustavo Zagrebelsky, scandisce le parole nel microfono che tiene con mano ferma: “La cosa più sbagliata detta dall’ex presidente della Repubblica è stata il riferimento alla guerra. Scherzare sulla guerra, applicarla al referendum ci farà ritrovare tutti sconfitti, chiunque vinca”. Lui il nome e il cognome non li fa, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.