Questi petroldollari non possono comprare la storia del ciclismo

A ottobre la prova iridata, su un percorso ridicolo e in condizioni climatiche pessime. Comandano i soldi degli sceicchi. E il pericolo è il deserto. Di pubblico
Questi petroldollari non possono comprare la storia del ciclismo

Alle cinque della sera del prossimo 16 ottobre dovrebbe concludersi il Mondiale di ciclismo su strada a Doha, nel Qatar, il primo del Medio Oriente. Il campionato iridato prevede centocinquanta chilometri iniziali tra il deserto e la costa, falcidiati da sole e vento, poi sette volte un circuito cittadino (15,2 chilometri) nell’isola artificiale The Pearl, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.