» Commenti
sabato 13/01/2018

Questa sarà la prima campagna dominata dallo sberleffo social

Questa sarà la prima campagna dominata dallo sberleffo social

Con lo strepitoso successo dell’hashtag #AboliamoQualcosa, la campagna elettorale 2018 verrà ricordata come la prima dominata dalla derisione social: quella dei politici zimbello massacrati dalla burla in Rete. Mentre noi presunti esperti ci affannavamo a dimostrare, con aria seriosa e numeri alla mano, quali buchi e voragini avrebbe aperto nei conti statali l’abolizione della legge Fornero o del canone Rai o del bollo auto o delle tasse universitarie, e mentre i vari Berlusconi, Renzi, Salvini e Di Maio insistevano nelle mirabolanti promesse, ecco che #unarisata li ha seppelliti.

Davanti alla geniali proposte: “Aboliamo le porte con scritto ‘tirare’ o ‘spingere’ lasciamoci guidare dall’istinto”; oppure: “Aboliamo quelli che si fermano davanti alle porte della metro”, diventa difficile per qualsiasi venditore di pentole elettorali spararla grossa senza domandarsi: ma che cz sto dicendo

Per esempio, chi se l’è proprio andata a cercare è Luigi Di Maio nell’annunciare l’abolizione non di una, non di due, non di tre, ma mi voglio rovinare, di ben “quattrocento leggi per ridurre la burocrazia”. Ebbene proprio nel relativo sito “ad hoc aperto a tutti” è stato fulminato dal tweet: “Aboliamo il congiuntivo così da favorire uno dei candidati premier”. Sono trascorsi quasi quarant’anni dalla pubblicazione dello Stato spettacolo di Roger-Gérard Schwatzenberg e, nel frattempo, nel teatro politico-mediatico si è assistito a un completo capovolgimento dei ruoli. Quando negli anni 60, il giovane e affascinante John Kennedy conquistò la Casa Bianca grazie a un terrificante primo piano televisivo della barba mal rasata di Richard Nixon (così si dice) erano ancora i comportamenti sulla scena a influenzare il giudizio della platea.

Uno schema classico che ha costretto la politica, sempre più sottomessa all’occhio della telecamera, a farsi spettacolo e poi intrattenimento (con il più esperto nel ramo, Donald Trump, giunto al vertice del potere dopo aver spazzato via uno dopo l’altro i competitori nel The Apprentice globale).

Oggi, la platea-community ha definitivamente conquistato la scena mediatica e chiunque con un hashtag azzeccato può mettere alla berlina il leader ballista destinandolo alla gogna virale. Perciò fanno un po’ sorridere i (falsi) allarmi sulle fake news, come se il popolo di Internet avesse l’anello al naso, mentre sappiamo che nella maggior parte dei casi agisce il pregiudizio di conferma. Ovvero: credo a ciò che mi conviene credere. In questo sistema volubile ad alta sorveglianza vincono autenticità, chiarezza e competenza. Le proposte sensate e il senso della misura. Al contrario, nella gara a chi la spara più grossa, alla fine, finiscono tutti in un telepanettone.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
“Non sono progressisti”

Boldrini chiude le porte al M5S: “Zero punti in comune”

Di buon mattino,prima che le assemblee di LeU decidano quel che era ovvio (no a Gori in Lombardia e un mezzo sì a Zingaretti), Laura Boldrini faceva la sua professione di fede nell’unità a sinistra a Circo Massimo, trasmissione di Radio Capital (Gruppo Espresso): “Io non sono affatto contenta della divisione del centrosinistra. Io sono per l’unità e bisogna cambiare rotta, ma sta aumentando il partito delle astensioni”. Per questo, spiega, “ho seguito con interesse il tentativo di Pisapia: nel Pd siamo passati dal 40% delle Europee ai sondaggi del 25%, c’è stato uno smottamento e non si è trovato un terreno comune” (soprattutto, chiarisce, quanto all’immigrazione). Porte chiuse invece, secondo la presidente della Camera, al M5S: “Io credo che la democrazia italiana sia bella solida, ma sicuramente in questi anni ho visto come il comportamento del M5S ha fatto di tutto per delegittimare l’istituzione parlamentare che è il cuore della nostra democrazia, con il loro comportamento”. Niente alleanze dunque: “Non credo che ci siano punti di congiunzione con i 5Stelle che non sono un partito progressista e di sinistra”.

Politica

Per Woodcock “processo” elettorale

Politica

La sinistra dice no al renziano Gori (Pd) e sì a Zingaretti (Pd)

Commenti

Mail Box

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×