“Quell’uomo è un mafioso. Portava soldi di B. all’estero”

Al processo di Reggio Emilia il pentito Muto accusa Alfonso Paolini, presunto membro della cosca Grande Aracri. “Denari di Tangentopoli”
“Quell’uomo è un mafioso. Portava soldi di B. all’estero”

Doppio colpo di scena al processo Aemilia contro la ’ndrangheta emiliana. All’udienza del 5 aprile parla nel tribunale di Reggio Emilia Alfonso Paolini, con una dichiarazione spontanea che nega l’appartenenza alla cosca Grande Aracri. Replica il collaboratore di giustizia Salvatore Muto: “Lui (Paolini) incassava il pizzo in Emilia-Romagna dagli imprenditori già negli anni della cosca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.