“Quello in prigione non è mio fratello scafista”

Scambio di persona - Ennesima conferma che l’eritreo sotto processo a Palermo non è il trafficante “generale” Mered
“Quello in prigione non è mio fratello scafista”

Dio lo possa aiutare, poverino, non l’ho arrestato certo io, quindi cosa posso farci”. A parlare, dall’altra parte della cornetta, è Merhawi Yehdego Mered, cittadino eritreo residente in Olanda, considerato dalle autorità italiane il fratello del “generale” Medhanie Yehdego Mered, il più importante trafficante di uomini attualmente latitante, ma che secondo la Procura di Palermo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.