Quelle promesse da rottamatore: quando Matteo rideva del Ponte

Le prime edizioni: contro la Rai dei partiti e il lavoro precario
Quelle promesse da rottamatore: quando Matteo rideva del Ponte

Quando Renzi era Renzi. L’uomo che era nuovo per davvero, prima del Nazareno, di Verdini, dell’assalto alla Carta. Quello che derideva il Ponte di Messina e condannava il lavoro precario, che voleva scacciare i partiti della Rai e ridare “la scelta ai cittadini”. C’era un tempo in cui la Leopolda non aveva i contorni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.