Quelle dieci piaghe sulla città del premier

Le blatte e le zecche agli Uffizi. Il terremoto, un paio di settimane fa. Adesso la voragine lungo l’Arno, che evoca inondazioni e terra che si apre. Non c’è pace per Firenze da quando il suo più illustre concittadino è diventato sindaco d’Italia a Palazzo Chigi. Diventa sempre più funesto il futuro di una delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.