Quella “Romastan” che qui non esiste

Quella “Romastan” che qui non esiste

Datemi pure dell’esterofilo perso ma non ho potuto fare a meno di confrontare l’elezione di un pachistano laburista come sindaco di Londra con la campagna elettorale in corso per Roma. Si, è vero, il partito di Sadiq Khan manda segnali confusi, perdendo in Scozia e regredendo in Galles. Sì, è vero, spuntano raffinate esegesi politologiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.