Quel vecchio, caro zio di Corrado

Una tovaglia a quadri bianca e blu, una ruota a forma di piatto e delle grandi posatone. Mi re mi fa sol do. Do si la sol do… le minime nozioni di solfeggio che conosco me la fanno canticchiare come una filastrocca familiare: la sigla del “Pranzo è servito”. Le Tv del mio condominio la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.