Quel pasticciaccio della Brianza. Acqua azzurra ma meno chiara

Il Tribunale di Milano ha dato ragione alla vedova Battisti che vuole proteggere il repertorio del marito. Ma una società controllata dal figlio dovrà pagare 2,6 milioni al paroliere Mogol
Quel pasticciaccio della Brianza. Acqua azzurra ma meno chiara

Dovendo scegliere e studiare le sue mosse, Mogol è all’impasse. Dovrebbe cantare vittoria e invece potrebbe scoprire di aver perso. La storia è antica, si perde nella Brianza velenosa dei Settanta e riguarda Giulio Rapetti, paroliere di Lucio Battisti e la moglie del cantante, Grazia Letizia Veronese, madre di suo figlio Luca e autrice del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.