Quel manovale a Nizza, un giorno eletto presidente degli italiani

Gli anni nella città francese martoriata dal terrorismo, il settennato sul Colle, la strage di Bologna, la sua pipa, i suoi sentimenti
Quel manovale a Nizza, un giorno eletto presidente degli italiani

Le tristi circostanze del mestiere mi riportano alla Promenade des Anglais, sul percorso della strage. Il sole abbacinante del giorno dopo illumina il profilo arabesque dell’Hotel Negresco, il simbolo Belle Epoque di una Nizza che forse non c’è più dalla maledetta sera del 14 luglio. E subito mi viene in mente quando andavo a spasso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.