Quel Gianburrasca che mi strillava apposta sotto casa

Un brancaleone, la sua protesta è d’avanguardia. Uno sceriffo che disarmato va a sfidare il gangster
Quel  Gianburrasca  che  mi strillava apposta sotto casa

1975 Tra una fumata di hashish e l’altra, un soggiorno in carcere e l’altro, Pannella trova il tempo di frequentare i salotti, di parlare nei comizi, di scrivere sui settimanali a grande diffusione. Mai il barricadiero di una rivoluzione immaginaria e sostitutiva fu altrettanto vezzeggiato. La logica del consenso e del conformismo che lo circonda […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.