Quel “doppio movimento” per tenere i migranti in Libia

L’obiettivo è trattenere nei centri di accoglienza chi vuole partire per l’Europa. Per riuscirci bisogna rafforzare il premier Sarraj
Quel “doppio movimento” per tenere i migranti in Libia

La strategia del ministro dell’Interno Marco Minniti sulla Libia si regge su questa analisi: “I trafficanti di esseri umani hanno bisogno di territorio non governato, perché soltanto in uno Stato fallito le carovane di migranti possono percorrere chilometri di deserto senza interferenze”. Minniti evoca un “doppio movimento”. Primo movimento: mettere in condizione il governo riconosciuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.