Quei poteri negati all’Autorità dei Trasporti

Nel 2015 - Il presidente chiese invano di potersi occupare anche delle infrastrutture privatizzate
Quei poteri negati all’Autorità dei Trasporti

Nata nel 2013 con 17 anni di ritardo rispetto ai tempi opportuni, per di più zoppa e di debole costituzione, l’Autorità dei Trasporti (Art) provò quasi subito a irrobustirsi. Andando a sbattere sul potere politico che non ne voleva sapere. Il suo presidente, Andrea Camanzi, chiese al governo più poteri con l’intenzione di controllare in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.