» Politica
martedì 06/09/2016

Virginia Raggi, quei 50 giorni di silenzio. Lei e Muraro sapevano dell’inchiesta

Bugie - L’assessore all’Ambiente ammette: “So di essere indagata dal 18 luglio” Ma aveva sempre negato Il sindaco: “Mi ha informato e io l’ho detto ai vertici M5S”

Appena 11 giorni dopo la nomina, l’assessore all’Ambiente Paola Muraro ha saputo di essere indagata dalla Procura di Roma per reati ambientali. Il 18 luglio da Piazzale Clodio è arrivata la risposta, dopo che nei primi giorni dello stesso mese, tramite il suo legale, aveva fatto domanda in base all’articolo 335 del codice di procedura penale che consente di sapere se si è iscritti nel registro degli indagati. E “nella seconda metà di luglio” lo ha comunicato al sindaco di Roma Virginia Raggi, come lei stessa ha dichiarato in Parlamento. A quel punto, a catena, sono stati informati in tanti, tranne i cittadini: lo sapevano alcuni assessori, alcuni dello staff e, secondo la versione della Raggi, anche i vertici dei Cinquestelle. Ieri però davanti alla commissione di inchiesta Ecomafie, che ha anche poteri inquirenti, si è capito che dopo 50 giorni non si poteva più mentire: Raggi e Muraro hanno ammesso di sapere da più di un mese dell’iscrizione, avvenuta il 21 aprile.

Ora il sindaco aspetta di leggere tutte le carte per decidere. Ma Raggi davanti ai parlamentari della commissione ha aggiunto di aver convocato una riunione “nella quale era presente anche l’ex capo di gabinetto”, Carla Raineri (dimessasi pochi giorni fa). In quell’incontro, Raineri avrebbe detto che si trattava di una “contestazione troppo generica per capire di cosa stiamo parlando: non appena ci saranno maggiori informazioni prenderemo provvedimenti”. Ma Raineri, interpellata dal Fatto, nega: “Smentisco tutto. Io di certo, da giurista, non ho detto a Raggi e Muraro di non far nulla perché la contestazione era ‘generica’: la contestazione di un reato non può essere ‘generica’, può essere fondata oppure infondata. Posso però confermare che certamente Muraro a luglio venne a dirci che sapeva di essere indagata. Non ricordo bene, ma erano presenti più persone: Raggi, io, il vicesindaco Daniele Frongia, l’assessore Marcello Minenna e forse altri assessori. Forse fu informata tutta la giunta. Muraro ci disse che era iscritta e che voleva andare in Procura a chiedere una archiviazione rapida. Io dissi che non si fa, che a Milano una cosa del genere non sarebbe stata tollerabile, sarebbe stata giudicata una interferenza indebita e anche controproducente”. La notizia dell’indagine non fu però divulgata. “Non potevo certo essere io a decidere”, spiega Raineri. “Dovevano pensarci il sindaco, dovevano consultare lo statuto etico dei 5stelle. Io di certo non ho consigliato di non dire niente perché le notizie erano ‘generiche’. Posso al massimo aver detto che non comprendevo la situazione, perché i racconti della Muraro erano così generici”.

Ieri Muraro ha anche spiegato che è sua abitudine, lavorando da tempo con le amministrazioni pubbliche, fare periodicamente, almeno una volta all’anno, la richiesta di 335 alla Procura, per sapere se ci sono indagini sul suo conto. Una richiesta l’aveva già fatta a marzo: “Al 25 marzo ero pulita”. Poi, a luglio, la notizia del fascicolo. Eppure in questi mesi sia il sindaco sia l’assessore hanno sempre negato alla stampa e ai cittadini che chiedevano se Muraro fosse indagata. “Nessuno ha mentito”, risponde lei. “Mi veniva chiesto se avevo ricevuto un avviso di garanzia e io non avevo ricevuto alcun avviso di garanzia. Se mi avessero chiesto se sapevo di essere indagata, avrei risposto quello che ho risposto qui in commissione”. In verità, solo l’altroieri, al Fatto aveva detto: “Non mi risulta nulla”.

Muraro era già finita al centro di una polemica per il ruolo da consulente avuto nella municipalizzata romana dei rifiuti Ama. In 12 anni avrebbe guadagnato 1,1 milioni di euro lordi: a domanda sui suoi compensi, ieri Muraro ha detto che “uno li deve anche percepire, ma se l’azienda non paga è inutile che riempiamo i giornali di cose non vere”. L’assessore ha infatti riferito che alcune parcelle a carico della municipalizzata non sono state onorate. L’altra questione che l’ha vista nel mirino riguarda l’inchiesta della Procura di Roma sui due impianti Ama e sui due di Malagrotta, di proprietà di una società riconducibile a Manlio Cerroni, il “ras” dei rifiuti a Roma. Uno dei sospetti dei pm è che gli scarti di lavorazione dei rifiuti non siano conformi alle autorizzazioni e ai limiti fissati per legge.

Un filone dell’inchiesta riguarda in particolare l’impianto di Rocca Cencia, origine dei dissidi tra Muraro e l’ex presidente di Ama Daniele Fortini: quest’ultimo aveva smesso di servirsi del Tmb di Rocca Cencia, mentre l’assessore aveva chiesto, anche per iscritto, di riattivare il rapporto tra Ama e l’impianto.

Era stato lo stesso Fortini, sempre in commissione Ecomafie, a puntare il dito contro l’assessore: “È stata una persona influente in Ama”. Ieri Muraro ha risposto nella stessa sede: “Nemmeno lui era uno spettatore”. E ancora: “Fortini millanta di avere un canale preferenziale con la Procura, questa è un’affermazione grave, soprattutto vista l’indagine in corso. Mi annuncia, per esempio, a luglio che da lì a poco ci sarebbero stati ventuno arresti tra i quali molti di Ama, come a dire di fare attenzione con il personale”. Poi l’assessore ha spiegato anche le tre telefonate, nel 2013, avute con Salvatore Buzzi, sotto processo per Mafia Capitale. “Con Buzzi”, dice Muraro, “ci sono state tre telefonate” e un messaggio “in cui gli dico che l’ho cercato. Io gli do del ‘lei’. Io non lo conosco. Il mio era un mero lavoro di segreteria che mi era stato affidato perché dovevamo correre, Malagrotta stava chiudendo”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Contro il fertility day

Ferilli: “Il governo pensi alle disastrose politiche familiari”

“La campagnasul Fertility Day? Mi viene da dire che è una stupidata. Oggi sarebbe più di buon senso riflettere sulle difficoltà di avere un figlio in un paese che non garantisce niente, dal welfare alla protezione dei bambini”. Non è piaciuta neanche all’attrice e showgirl Sabrina Ferilli la campagna contro la denatalità lanciata nei giorni scorsi dal ministro della Salute Lorenzin che ha scatenato migliaia di proteste, sul web e fuori. “E poi – aggiunge l’attrice, che dal 7 settembre interpreterà la capo cucitrice che diventa sindaca nella fiction di Canale 5 dal tiolo “Rimbocchiamoci le maniche” – mi sembra piuttosto squallido il discorso sui ‘tempi scaduti’ per avere un bambino. Lo stesso ministro ha preso il suo tempo prima di diventare madre. Viviamo in una società che non va verso lo ‘stato sociale’, ma verso l’avere: se non hai soldi, ad oggi, per me i bambini conviene non farli, anche perché si tratta di una scelta che richiede grande consapevolezza. Il governo dovrebbe pensare alle politiche fallimentari sulla famiglia e sullo stato sociale: ecco, sarebbero loro a doversi prendere un pò di tempo in più, magari dando la possibilità a tutti di adottare, quella sì che sarebbe un’operazione intelligente”.

Politica
Pensionamenti

Magistrati, il Csm lavora al parere sul decreto salva-Canzio

Ieri ha riapertoi battenti, oggi il Csm è già al lavoro per esprimere il proprio punto di vista sul decreto del governo che ha prorogato di un anno il trattenimento in servizio dei soli magistrati che ricoprono posizioni apicali in Cassazione, Corte dei conti e Consiglio di Stato e che sarebbero dovuti andare in pensione entro dicembre. Anche se a Palazzo dei Marescialli non c’è ancora la richiesta formale di un parere da parte del ministro della Giustizia, è probabile che arrivi a breve. L’intenzione dei consiglieri (la stesura del testo è affidata in prima battuta alla Sesta Commissione) è di fare presto: far sentire la loro voce, con un documento approvato dal plenum, prima che il decreto venga convertito in legge. Il provvedimento non piace ai magistrati che lo hanno contestato apertamente. L’ultima nata tra le correnti delle toghe, Autonomia e Indipendenza, che ha come suo leader il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo, si è spinta sino a minacciare lo sciopero. E la stessa Associazione magistrati ha denunciato la disparità di trattamento. Oggi, inoltre, è previsto un incontro informale tra una rappresentanza dell’Anm, il vice presidente Csm Giovanni Legnini e il presidente della Sesta Commissione.

Testatine

Testatina del 06/09/2016

Politica

M5S, il lunedì nero. I vertici: “Noi all’oscuro di tutto”

Il Pd a Torbella: “Mai visti da queste parti”
Politica
La segreteria

Il Pd a Torbella: “Mai visti da queste parti”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×