» Cultura
giovedì 30/03/2017

Quattro narrazioni per un’unica regia: Amendola, buona la seconda

“Il permesso” racconta il carcere (dentro e fuori), “Virgin Mountain” un bamboccione formato islandese
Quattro narrazioni per un’unica regia: Amendola, buona la seconda

Il permesso – 48 ore fuori Regia:Claudio AmendolaAttori principali: Claudio Amendola, Luca Argentero Durata: 91 min. Uscire per qualche ora, il necessario per (tentare di) non rientrare. È il destino di quattro detenuti in permesso, ciascuno diretto alla disperata soluzione di questioni sospese. Diversi per età, provenienza e crimine, Luigi, Donato, Angelo e Rossana immaginano […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Il capolinea degli amori difficili: finita la corsa sfuma anche la passione

Cultura

Gassmann, Proietti e Papaleo in viaggio verso il Nobel

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×