Quanto sarebbe utile all’Italia un Marco Aurelio

“Essi (i romani) coniano monete d’oro e d’argento… Commerciano per mare con An-hsi (la Partia) e T’ien-chu (l’India), e il profitto di questo commercio è decuplo. Sono onesti nelle loro transazioni e non fanno due prezzi… Il bilancio si basa su un tesoro ben provvisto… I loro re desiderano sempre mandare ambasciatori in Cina, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.