Quando Tulliani voleva entrare nel grande affare delle slot

Scandali - Il cognato di Fini e l’acquisto del 10 per cento della Atlantis, a cui Corallo disse prima sì e poi no
Quando Tulliani voleva entrare nel grande affare delle slot

Non solo la casa e i bonifici. Anche il 10 per cento della gallina dalle uova d’oro: la Bplus, concessionaria dello Stato nel settore delle slot machine. Giancarlo Tulliani, cognato dell’ex presidente della Camera Gianfranco Fini, in quanto fratello della compagna Elisabetta Tulliani, era a un passo dall’ingresso nell’azionariato dell’Atlantis Group che, dal novembre 2004, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.