Quando l’Italia creò il museo per ordinare un mondo inquieto

La scoperta dell’America distrusse certezze. Le collezioni servivano a ridare unità a un creato divenuto misterioso
Quando l’Italia creò il museo per ordinare un mondo inquieto

La cosa più importante dalla creazione del mondo – scrisse nel 1522 Francisco López de Gómara – fu la scoperta del nuovo mondo”. Il 14 dicembre 1645, a Parigi il Re sole assistette alla prima rappresentazione di un’opera italiana. I cantanti e i ballerini del parmigiano Francesco Sacrati misero in scena la Finta Pazza, che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.