Quando la sinistra della Dc si oppose al duopolio tv

“Per trattare di una società televisivo-dipendente, il caso italiano si presta a meraviglia” (da “La realtà televisiva” di Marino Livolsi – Laterza, 1998 – pag. 7) Alla vigilia dell’udienza di Silvio Berlusconi al Quirinale, nel primo giro delle consultazioni per formare il nuovo governo, diversi osservatori si sono esercitati nell’immaginare l’imbarazzo che si sarebbe creato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.