Quando il pm fa a pezzi il processo

Delitto Caccia - Un errore della Procura milanese azzera le indagini sul giudice ucciso nell’83
Quando il pm fa a pezzi il processo

Il nuovo pasticciaccio brutto della Procura di Milano – dopo le indagini su Expo fatte al rallentatore – riguarda l’omicidio del giudice Bruno Caccia (nella foto). Era minacciato dalle Br, ma fu la ’ndrangheta a ucciderlo a Torino nel 1983. Lo si scoprì solo molti anni dopo: condannato come mandante il calabrese Domenico Belfiore, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.