Quando Agnelli fu chiamato durante l’interrogatorio

Il presidente bianconero fu contattato dal security manager, intercettato, e parlarono di almeno un incontro con il presunto mafioso. Ma ora negano
Quando Agnelli fu chiamato durante l’interrogatorio

È il 4 agosto scorso. Davanti ai pm della Direzione distrettuale antimafia di Torino è seduto Alessandro D’Angelo, security manager della Juventus e uomo fidato di Andrea Agnelli. Gli chiedono di un incontro tra il presidente del club e Rocco Dominello, 41enne arrestato il 1° luglio nell’ambito dell’operazione “Alto Piemonte” perché ritenuto esponente del clan […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.